Dosoledo

Dosoledo (Dudlè) si affaccia ai margini di un antico terrazzamento, in posizione centrale rispetto alla valle del torrente Padola, che qui si schiude in tutto il suo splendore con un colpo d’occhio unico.

È un paese nel quale i costumi e le tradizioni si perpetuano nel tempo coniugandosi armoniosamente con la modernità.

Gli antichi fienili che fanno da ideale cornice verso valle e l’ancora solida vocazione rurale della popolazione fanno percepire al visitatore l’atmosfera semplice e la cultura profonda delle genti di montagna.

ACCOGLIENZA

 

Fatevi guidare e traportare al centro dell’atmosfera unica di Dosoledo.

L’accoglienza dei sui abitanti, delle sue tipicità, della sua natura, che scaturisce dalla sincerità dello spirito montano di comunità, vi guiderà in un esperienza turistica irripetibile.

TRADIZIONE

 

Dosoledo (Dudlè) si caratterizza per la spiccata identità “Ladina”. Vivissima è quindi la volontà di conservazione delle tradizioni: ne è un esempio il carnevale con la tradizionale Mascrada d’Santä Ploniä che coinvolge tutto il paese e richiama ogni anno folle di appassionati del genere.

Il paese è anche un punto di riferimento per i cultori dell’antiquario con i sui numerosi centri di vendita, a testimonianza della forte identità tradizionale montana; oltre che essere animato da una fervida passione per l’intaglio e la scultura del legno.

CULTURA

 

L’aspetto culturale non viene minimamente trascurato. Dosoledo rappresenta una vera e propria “perla” quale riferimento culturale per l’intera vallata.

In questo senso il museo Algudnei, uno spazio per la cultura ladina in Comelico, collocato nel Palazzo della Regola, è luogo dove al visitatore viene offerta una lettura del territorio e di alcuni aspetti della storia e delle tradizioni locali attraverso immagini e filmati, oltre che essere sede del Gruppo di ricerche culturali Algudnei.

NATURA

 

Natura incontaminata, sentieri, passeggiate, sport e relax sono il contorno dell’esperienza di visita a Dosoledo, e comunque parte integrante della permanenza in paese.

Impossibile non citare i sentieri tematici – i “Troi” antichi percorsi rurali trasformati in museo all’aperto che descrivono le più significative tematiche della nostra tradizione.

Il “Troi di mestieri”, il “Tori dli tradizion”, il “Troi di bacani” e il “Troi dli mascri” aspettano di essere vissuti e visitati per raccontarvi la magia di Dosoledo.

VIZArt

 

Un percorso artistico che ripensa il bosco, dopo la devastazione della tempesta Vaia dell'ottobre 2018, come polmone verde, spazio ricreativo, luogo in un cui natura e uomo, corpo e mente, si possono rigenerare e dove l’albero strappato dalla forza della natura viene riutilizzato per tracciare un nuovo percorso che testimonia e racconta la "Regola" come valore culturale della comunità nella gestione responsabile del Bosco e del territorio montano.
Nella Viza da Fabrica, di proprietà della Regola di Dosoledo, in località Valgrande, le installazioni land-art sul tema della RInascita del bosco ,  utilizzando il legno da “schianto” proveniente dalla pulizia dei boschi successiva alla tempesta, accompagnano il visitatore attraverso una nuova lettura del bosco.